Domande & Risposte
News Immobiliari
Suggerimenti

1,7 milioni di famiglie in difficoltà con l’affitto

1 feb 2016, pubblicato da Federica Tordi in: Crisi Economica Economia Locazioni Primo piano 

In Italia sono 1,7 milioni i nuclei familiari in difficoltà con le spese destinate all’affitto. A far luce su questa triste e sconfortante realtà sono state Nomisma e Federcase, che hanno analizzato il secondo semestre 2015 anche per dare una scossa ad eventuali politiche sociali per la casa.

Come ha dichiarato Luca Dondi, direttore generale di Nomisma, secondo varie stime, effettivamente, interventi di housing sociale e di edilizia popolare potrebbero avere maggiori ripercussioni sull’andamento dell’economia rispetto agli sgravi e ai vantaggi previsti per i proprietari di prime case. Senza contare quanto comporti questa vicenda in termini di equità.

Finora, a detta della ricerca e stando ai risultati, l’edilizia pubblica non è stata capace di rispondere all’emergenza abitativa del Paese. Lo studio ha considerato come situazione di difficoltà quella in cui il canone d’affitto supera il 30% del reddito della famiglia. Ebbene, sono oltre 1,5 milioni le famiglie in difficoltà in Italia che, così, rischiano di incappare in spiacevoli morosità o di finire in condizioni di marginalizzazione sociale. A soffrire di più in questo senso sono le grandi città e le famiglie italiane che rappresentano il 65% di chi è in difficoltà.

Per gli interventi di edilizia pubblica sono i cittadini stranieri quelli che devono fronteggiare tempi di attesa più lunghi (37,3%), insieme alle famiglie numerose (34,5%). Sembrano in difficoltà anche quei nuclei familiari che non hanno anziani al loro interno.

I numeri parlano chiaro e, come lo stesso Dondi sottolinea, implicano un’immediata riflessione da parte delle istituzioni a cui spetta il compito – certamente arduo – di rispondere con interventi sociali più mirati ed efficienti di quelli attuali.

 

1,7 milioni di famiglie in difficoltà con l'affitto3.0520
1 Commento
VN:F [1.8.6_1065]
20 voti. Media: 3.0/5