Domande & Risposte
News Immobiliari
Suggerimenti

Crif: nel 2015 surroghe a +780%

Crif, Prometeia ed Assofin, nel loro ultimo Osservatorio sul Credito al Dettaglio parlano molto chiaro; i segnali di ripresa che erano stati evidenziati nell’ultimo scorcio del 2014 sono stati più che confermati dai primi nove mesi dell’anno che si sta per concludere e se i mutui hanno fatto registrare una crescita del 21%, a lasciare di stucco è la vera e propria impennata delle surroghe, cresciute, certamente in virtù dei tassi di interesse ai minimi storici, addirittura del 780%.

Ad alimentare positivamente il fuoco delle richieste di finanziamenti per l’acquisto presentati dalle famiglie sono stati, senza dubbio, la politica monetaria messa in atto dalla Banca Centrale Europea guidata da Mario Draghi, ma anche la riduzione dei prezzi medi rilevati nel mercato immobiliare italiano e l’aumento del redditto disponibile per ciascun nucleo familiare.

Gli investimenti nel settore delle case erano stati rimandati dagli italiani, ma ora le stelle sembrano essere nuovamente allineate in modo positivo tanto che Crif, Prometeia ed Assofin si sbilanciano con previsioni positive anche per il prossimo biennio. Andando ad analizzare nello specifico i numeri dell’osservatorio, emerge chiaramente come se il numero complessivo delle erogazioni cresce (21.3% per l’acquisto delle abitazioni e 187.1% per gli “altri mutui”), si riduce invece l’importo erogato.

Non ci si deve, però, far spaventare da questo elemento dato che, a ben guardare, è in realtà piuttosto semplice da capire; i costi delle case si sono ridotti e gli italiani hanno cominciato a riparametrare meglio le loro richieste, presentando domande di valore inferiore rispetto al passato; il 32% delle richieste totali, ancora una volta anche in virtù della grande quantità di surroghe, si trova nella fascia con importo inferiore ai 100.000 euro.

 

 

Crif: nel 2015 surroghe a +780% 2.7534
0 Commenti
VN:F [1.8.6_1065]
34 voti. Media: 2.7/5