Domande & Risposte
News Immobiliari
Suggerimenti

Gli agenti immobiliari parigini contro le discriminazioni

9 gen 2017, pubblicato da Federica Tordi in: Curiosità Locazioni Mercato immobiliare Norme Primo piano 

Alcune settimane fa il mondo immobiliare di Parigi era stato scosso da una grande polemica generata da un annuncio di affitto a sfondo razzista, dato che non venivano presi in considerazione possibili affittuari di colore o provenienti dall’estero. All’agente immobiliare è stata revocata la licenza da parte del network a cui era affiliato e sono state aperte diverse inchieste penali. A seguito del grave accaduto il sindaco di Parigi ha incontrato in queste ore i maggiori gruppi immobiliari che operano sul territorio e ha firmato con loro una carta d’impegno nella lotta alle discriminazioni.

L’obiettivo è quello di formare gli agenti anche da un punto di vista deontologico, fornendo loro tutti gli strumenti necessari per poter agire al meglio nel loro lavoro combattendo ogni sorta di discriminazione nell’accesso agli alloggi privati. All’interno dei grandi network, inoltre, saranno messi a disposizione degli esperti da poter contattare in soccorso alle vittime di queste azioni.

In realtà già dallo scorso 1 aprile gli agenti immobiliari della Francia, per poter operare, sono obbligati a seguire un corso di deontologia da 14 ore, ma evidentemente ciò non basta, benchè lo scandalo dell’annuncio razzista sia stato imputato a una singola persona e non coinvolge, ovviamente, tutta la categoria di professionisti. L’impegno che la città di Parigi ha voluto prendere insieme ai grandi network di agenzie, quindi, ha un valore soprattutto simbolico, a difesa dei diritti dei cittadini e a sfavore di ogni tipo di discriminazione, sia essa legata al colore della pelle, alla religione, alla provenienza geografica o alla classe sociale di appartenenza.

 

0 Commenti
VN:F [1.8.6_1065]
0 voti. Media: 0.0/5