Domande & Risposte
News Immobiliari
Suggerimenti

Il mattone italiano piace agli stranieri

Pochi giorni fa, a Londra, si è tenuto un incontro tra professionisti per discutere del Real Estate italiano e di quanto sia popolare tra gli acquirenti stranieri. I dati parlano di uno scenario decisamente positivo, con ottime possibilità di sviluppo futuro. Il 70% delle transazioni avvenute nell’ultimo anno, infatti, è stato effettuato da gruppi di acquirenti provenienti dall’estero attratti da diversi fattori che stanno caratterizzando questo momento storico del mattone italiano.

Da una parte vi è, come hanno sottolineato gli esperti, un’aria riformistica che aleggia sull’Italia e che sembra irreversibile; inoltre il nostro Paese viene percepito come stabile al momento, nonostante l’incertezza del referendum che, però, per chi investe non è una minaccia. Dall’altra parte ci sono degli operatori di settore sempre più preparati e bravi che stanno portando l’Italia alla corsa verso l’allineamento con gli altri Paesi europei. A questo si aggiungono i diversi processi di privatizzazione e le vendite messe  in pratica dalle banche, ottime prospettive per chi vuole investire nell’immobiliare italiano.

Cosa compra in Italia chi arriva dall’estero? I settori più consolidati in questo senso sono i due classici dell’investimento, ossia gli uffici e i negozi nei centri delle città più grandi. Ma, come è emerso dalla Italian Real Estate Conference, stanno prendendo piede anche gli acquirenti stranieri di hotel, case di cura e residenziale; in particolar modo, in quest’ultima area del mattone, si investe negli appartamenti per studenti e in quelli dal taglio più piccolo per i lavoratori fuori sede. Negli interventi dei diversi relatori si è più volte sottolineato come l’attuale situazione italiana per ciò che riguarda l’appeal del mattone fuori dai confini nazionali è soltanto un inizio e una frazione di ciò che potrà diventare.

 

Il mattone italiano piace agli stranieri5.051
0 Commenti
VN:F [1.8.6_1065]
1 voto. Media: 5.0/5