Domande & Risposte
News Immobiliari
Suggerimenti

Mutui ai precari: il Governo cerca una soluzione

25 mar 2014, pubblicato da Federica Tordi in: Comprare immobile Crisi Economica Mutui Primo piano 

Il mercato immobiliare va necessariamente rilanciato e questo è un concetto che ormai, da quando si parla di ripresa (più o meno vicina), ognuno ha fatto proprio. Ma come se non aiutando le banche a cambiare atteggiamento verso chi richiede un mutuo per l’acquisto di una casa? Gli Istituti di credito risultano ancora troppo restii a concedere finanziamenti ai lavoratori italiani, figuriamoci quando questi sono dei precari.

Si è calcolato che il precariato in Italia, inteso anche come lavoratori con partite iva (spesso solo coperture) e co.co.co., rappresenta quasi il 25% del totale della forza lavoro. Quindi per le banche non sarà certamente così raro trovarsi di fronte un dipendente precario che vuole comprare casa, nonostante tutto e tutti. Avevamo parlato di un recente studio di Mutui.it e Facile.it secondo cui le richieste vengono accettate se e solo se a firmare ci sia almeno un cointestatario o un garante assunto a tempo indeterminato.

Sul tema piuttosto controverso è intervenuto il nuovo Ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, che ha affermato che il Governo si sta muovendo per cercare una soluzione che vada a stabilizzare la situazione. Non è semplice, ma nemmeno impossibile, basta solo trovare un meccanismo che sblocchi le banche e permetta loro di concedere i mutui anche a chi non ha un contratto fisso.

Una delle ipotesi finora vagliate, quella che suona la migliore al momento, a detta di Poletti, è di istituire un fondo di garanzia che vada a coprire le banche per i crediti ipotecari e protegga l’economia dal rischio default qualora ci fossero troppi creditori scoperti. Se dovesse suonare rischiosa, agli occhi di chi mastica nozioni di economia, basta pensare che il tasso di rischio è lo stesso che avevano i celebri mutui subprime in America all’inizio del millennio.

Poletti ha ricordato che nell’ultimo trimestre del 2013 di tutti gli avviamenti il 68% era rappresentato da contratti a tempo determinato, per cui la questione incombe e per risollevare le sorti del mercato immobiliare non si può non tenere conto di queste cifre così elevate.

 

Mutui ai precari: il Governo cerca una soluzione5.053
0 Commenti
VN:F [1.8.6_1065]
3 voti. Media: 5.0/5