Domande & Risposte
News Immobiliari
Suggerimenti

Terremoto, ecco come usare il credito d’imposta

7 nov 2016, pubblicato da Andrea Polo in: Altro Consumi Economia Edilizia Mutui Norme Primo piano Spese Tassazioni Varie 

Decreto Legge 189/2016; con questa sigla è indicato il provvedimento di urgenza con il quale il Governo ha introdotto un contributo speciale che, sotto la forma del credito di imposta, chi è stato colpito dal sisma che ha devastato Amatrice e buona parte dell’Italia centrale lo scorso 24 agosto può richiedere per far fronte alle spese di ristrutturazione degli immobili danneggiati.

Ora l’Agenzia delle Entrate ha reso noti i criteri secondo i quali chi ne ha dirtto potrà usufruire delle agevolazioni fiscali. Il credito di imposta, si legge nel provvedimento, viene riconosciuto a chi ha scelto il cosiddetto regime del finanziamento agevolata, applicabile tanto alle abitazioni civili quanto alle proprietà immobiliari in cui hanno (o avevano) sede attività produttive.

Le banche, si chiarisce, potranno rientrare dei propri crediti già dal giorno successivo alla scadenza prevista per la rata e questo avverrà grazie ad un meccanismo di compensazione. Il titolare del finanziamento, o del mutuo, potrà quindi utilizzare il credito di imposta ottenuto per saldare la rata mensile del proprio debito. L’Agenzia delle Entrate chiarisce anche che il credito agevolato potrà essere usa per saldare sia la quota relativa al capitale, sia quella legata agli interessi sia, anche, la somma corrispondente alle soese da sostenere per la gestione del finanziamento ottenuto.

Attenzione però che, se da un lato è vero che in questa particolare occasione non saranno applicati al finanziamenti o limiti che sono stati introdotti con la legge 388/2000 e poi 244/2007, dall’altro è altrettanto vero che nella dichiarazione dei redditi del soggetto che ne ha usufruito (definito come cessionario nel documento), dovrà essere indicato il credito che gli è stato ceduto.

Sarà un secondo provvedimento della stessa Agenzia delle Entrate, atteso chiaramente a breve, a definire sia le modalità sia i termini entro cui i finanziatori dovranno comunicare l’elenco dei beneficiari, la somma loro concessa, il numero e l’entità delle rate legate al credito.

 

Terremoto, ecco come usare il credito d'imposta5.052
0 Commenti
VN:F [1.8.6_1065]
2 voti. Media: 5.0/5